fbpx

Breve storia dei Permissioned Ledger (registri distribuiti autorizzati)

Riporto un articolo molto interessante che ripercorre la storia delle DLT e relative evoluzioni in Blockchain.

 

Intorno al 2013, l’interesse sulle logiche che rendono la blockchain di Bitcoin così interessante ha cominciato a svilupparsi anche al di fuori del mondo delle cryptomonete. Con il lancio di Ethereum , i dirigenti e i leader del settore industriale sono rimasti affascinati dal potenziale degli smart-contracts (contratti intelligenti)  per gestire accordi contrattuali tramite algoritmi e ridurre la dipendenza da intermediari fidati. E mentre non suscitava in loro alcun interesse una valuta digitale indipendente, hanno cominciato ad interessarsi alla creazione di registri distribuiti autorizzati ed ad esplorare l’uso potenziale di una “blockchain per le imprese”.

Oggi esistono numerose soluzioni open source per la distribuzione di registri distribuiti autorizzati.

Diamo un’occhiata alla loro origine, scopriamone lo sviluppo e verifichiamo un esempio concreto di utilizzo in produzione.

TERMINI COMUNEMENTE CONFUSI

 

Blockchain pubbliche (public blockchains) sono  pubbliche (public)  e  senza autorizzazione (permissionless)
Un Registro digitale privato (private  Ledger)  è  privato (private) e con autorizzazione (permissioned)
Una rete di consorzi (Consortium Network)  è  pubblica  e  con autorizzazione

Linux Foundation -Blockchain for Business -INDY

• I registri di una blockchain pubblica possono essere letti da chiunque e chiunque può effettuare transazioni su di essa liberamente.

• I registri di una blockchain privata vengono rivelati solo ai partecipanti alla rete autorizzati.

• Su una rete senza autorizzazione, chiunque può liberamente effettuare transazioni e partecipare al processo di consenso in base al protocollo della catena ( blockchain ).

• Su una  rete autorizzata qualsiasi azione può richiedere un’autorizzazione specifica.

Le reti di consorzi  sono  pubbliche  e  autorizzate , consentendo a chiunque di leggere o eseguire transazioni sul registro generale ma limitando il processo di consenso ai partecipanti autorizzati.

Blockchain vs. Distributed Ledger Technologies – ConsenSys Ogni blockchain  è un registro distribuito ma non tutti i registri distribuiti sono una blockchain. Anziché creare nuovi blocchi per la convalida delle transazioni, i registri distribuiti utilizzano altre tecniche, convalidando comunemente ogni transazione nel momento in cui si verifica.

LA STORIA DEI REGISTRI DISTRIBUITI AUTORIZZATI

LA STORIA DEI REGISTRI DISTRIBUITI AUTORIZZATI

Il  primo  accoppiamento delle parole ” Distributed Ledger ” risale al 2013 – l’uso del termine diventa più comune nell’anno successivo.

Questo articolo sostiene, tuttavia, che l’innovazione chiave delle valute digitali è il ‘ledger distribuito’ che consente a un sistema di pagamento di operare in modo interamente decentralizzato, senza intermediari come le banche. Innovazioni nelle tecnologie di pagamento e l’emergere delle valute digitali – Bank of England

Nel  maggio 2014 è stata annunciata un premio da $ 100.000 per la creazione di una piattaforma software in sostituzione della Bitcoin Foundation, per timore di mancanza di trasparenza. Alcuni affermavano che la Fondazione fosse diventata troppo simile ai sistemi per sostituire i quali Bitcoin era stato creato. In risposta, Casey Kuhlman , Dennis McKinnonPreston Byrne  di  Monax hanno condotto uno sforzo per creare la prima Organizzazione autonoma decentralizzata al mondo.

Secondo le nostre intenzioni questo DAO (Data Access Object) implementato utilizzando la struttura di Eris, servirà come evidenza tecnologica per un nuovo tipo di governance organizzativa decentralizzata e basata sul consenso, su una base completamente trasparente e senza necessità di fiducia, soluzione che per quanto ne sappiamo non è mai stata tentata prima.

Questo sforzo è diventato  Eris Industries ed è cresciuto fino a trasformarsi in un intero stack di software applicativo distribuito open source . Questo stack includeva un server di applicazioni distribuite ( Decerver ), per sincronizzare le operazioni tra file system distribuiti, blockchain, un livello di scripting e un sistema per l’integrazione di marked-down legal contract con la sua rete di contratti intelligenti ( smart contracts ). Le loro offerte includevano una blockchain autorizzata e l’implementazione della Ethereum Virtual Machine (EVM).

Sebbene lo stack di software distribuito da Eris  non sostituisse  la Bitcoin Foundation, il loro software open source di uso generale è stato utilizzato da numerose altre ventures e la loro istanza autorizzata dell’EVM è successicamente passata sotto il cappello della Hyperledger Foundation con il nome Burrow .

PROLIFERAZIONE DEL REGISTRO DISTRIBUITO

Se Bitcoin catturava ribelli e visionari, i contratti intelligenti di Ethereum attiravano dirigenti e funzionari governativi in tutto il mondo. Eris ha aperto le porte all’esplorazione aziendale in un ambiente autorizzato. Nel corso dell’anno 2015 sono proliferate le iniziative sui registri distribuiti autorizzati e si è sviluppata la sensazione che Bitcoin non avesse proclamato una, ma due rivoluzioni, offrendo opzioni distinte sia agli anarchici che ai dirigenti d’azienda.

All’inizio del 2015,  IBM ha  presentato una demo IOT funzionante  , costruita sul prototipo di Ethereum, sostenendo che blockchain fosse il futuro di IOT. Hyperledger è un altro esempio recente, che desidera rivoluzionare la finanza con un registro distribuito generale personalizzabile. Successivamente acquisito da  Digital Asset , il suo nome è stato successivamente donato alla Fondazione Hyperledger.

Multichain è  stato uno dei primi tentativi di sviluppare una blockchain autorizzata. Basato su un fork  di Bitcoin Core, Multichain consente ai futuri miglioramenti di Bitcoin di essere integrati nel suo codice cambiando solo il processo di handshaking tramite il quale i nodi si connettono. È stato progettato per essere completamente compatibile con Bitcoin e consentire l’interoperabilità tra Bitcoin e reti private.

R3 ha iniziato l’esplorazione di questo spazio nascente a partire dall’inizio del 2014, successivamente sono iniziati regolari incontri con i leader del settore industriale per determinare come muoversi e come sviluppare. Meno di due anni dopo quelle riunioni si erano trasformate in un consorzio di 42 grandi banche. Verso la metà del 2015, Tim Swanson pubblicò un white paper,  Consensus-as-a-Service  (CaaS), il primo a delineare chiaramente le differenze tra reti autorizzate e non.

Mentre il lavoro di queste aziende è vivace, non è esente da critiche. Nel settembre del 2015, Bitcoin Magazine pubblicò  Nick Szabo su “Blockchains autorizzati” . L’articolo avverte che, sebbene questi sistemi  possano  rivelarsi di valore, potrebbero subire problemi simili a quelli delle reti centralizzate attualmente in funzione. Nell’articolo riecheggiava anche l’ avvertimento di Szabo secondo il quale le banche devono andare nella direzione dei registri distribuiti non autorizzati se vogliono i benefici della blockchain.

“Le burocrazie sono così pesantemente aggrovigliate dalle normative e dagli standard locali che è estremamente difficile per loro tagliare il nodo di Gordio e implementare sistemi globali senza soluzione di continuità“, ha detto Szabo. “Così continuano a reinserire punti di controllo, e quindi punti di vulnerabilità, nelle blockchains, ad esempio attraverso ‘permessi’, ma questo annulla i loro principali benefici, che derivano dalla rimozione di punti di vulnerabilità. “

RISE OF THE HYPERLEDGER FOUNDATION.

A dicembre, 2015 la Linux Foundation ha  annunciato  uno sforzo collaborativo inter-industriale per far avanzare la tecnologia Blockchain,  The Hyperledger Foundation .

Tra i membri fondatori c’erano Accenture, ANZ Bank, Cisco, CLS, Credits, Deutsche Börse, Digital Asset Holdings, DTCC, Fujitsu Limited, IC3, IBM, Intel, JP Morgan, London Stock Exchange Group, Mitsubishi UFJ Financial Group (MUFG), R3 , State Street, SWIFT, VMware e Wells Fargo.

L’intento di Hyperledger è supportare gli sforzi nell’ecosistema blockchain. Questa attività incrociata migliorerà la sicurezza e l’efficienza del codice sottostante, consentendo all’azienda di concentrarsi su soluzioni personalizzate piuttosto che costruire protocolli core da zero

Nel febbraio 2016, IBM ha donato la sua Open BlockChain alla fondazione Hyperledger. Costruito  nel trimestre precedente , gli è stato dato il nome  Fabric , la sua natura modulare è progettata per facilitare l’integrazione con le architetture esistenti e facilitare il processo di aggiornamento dei singoli componenti. Ha un design autorizzato e supporta contratti intelligenti.

Intel ha offerto la sua  base di codici Sawtooth alla fondazione,  in aprile 2016 , offrendo livelli separati di transazione e consenso, il nuovo tipo di consenso Proof of Elapsed Time e famiglie di transazioni che supportano solide implementazioni per le transazioni di tipo comune. Il progetto Sawtooth è stato accettato nella Hyperledger Foundation a novembre ’16.

Quasi contemporaneamente,  Iroha  si è unito alla collaborazione open source, con il contributo di Soramitsu, Hitachi, NTT Data e Colu. Iroha cerca di integrare altri  framework blockchain costruendo componenti riusabili in C ++, viene fornito con l’  algoritmo di consenso YAC ed è stato creato per facilitare la creazione di applicazioni per l’utente finale, in particolare le app mobili e web.

UN QUADRO DI CONSORZI

Più o meno nello stesso periodo,  Evernym ha  pubblicato il suo white paper sull’identità e ha iniziato a lavorare su  Plenum , un’implementazione del  consenso RBFT  per implementare una rete blockchain pubblica autorizzata, supportando lo sviluppo di  un’infrastruttura a chiave pubblica decentralizzata  (DPKI).

settembre , la base di codice Sovrin open source è stata donata alla  Sovrin Foundation : un ente privato, senza fini di lucro internazionale, istituito per governare un’utilità pubblica globale per l’identità autosufficiente.

abbiamo assistito a casi in registri distribuiti senza permesso che hanno portato ad avere blocchi orfani o ad una manomissione di uno smart contract. In entrambi i casi, i manutentori del codice dovevano scegliere come risolvere il problema nel registro distribuito. La loro scelta era un problema di legittimità perché dovevano convincere i validatori ad accettare quella scelta e sostenerla. Un sistema autorizzato non impedisce necessariamente questi problemi, ma può fornire un processo giudiziario chiaro e non ambiguo per risolvere il problema.  Phil Windley – Self-Sovereign Identity and the Legitimacy of Permissioned Ledgers

Il  Sovrin Trust Framework  fornisce regole per il comportamento dei validatori, un processo giudiziario, li vincola ai contratti e fornisce linee guida per l’identificazione dei validatori (Stewards). Oltre alla convalida delle transazioni,  Sovrin Stewards  accetta o rifiuta le modifiche al codice open source, ora gestito dalla Hyperledger Foundation.

Il lavoro di Evernym su Sovrin non nasce dal nulla, ma ha trovato compimento ed è strettamente correlato con il lavoro di numerose parti indipendenti che condividono la passione per un’idea di privacy che porti ad un vero e proprio layer di identità su Internet. Questi sforzi che risalgono al 2005, hanno preso slancio con l’ascesa della blockchain, gli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile delle Nazioni Unite e il GDPR.

.

CONCORRENTI DEI REGISTRI DISTRIBUITI AUTORIZZATI

Nell’ottobre 2016,  JP Morgan ha  annunciato lo sviluppo di  Quorumun’implementazione autorizzata di Ethereum a supporto della privacy dei dati  per consentire l’interazione tra blockchain pubblici e privati e consentire transazioni private, sicure e peer-to-peer.

Nel  novembre del 2016 ,  nasce R3  open-sourced  Corda, una piattaforma di libro mastro distribuito autorizzata. Corda presenta transazioni private e contratti intelligenti basati su  Smart Contract Templates: fondamenti, design landscape e direzioni di ricerca , Barclays, University College London.

Il  seguente febbraio , un consorzio globale di imprese delle industrie petrolifere e del gas, il settore finanziario e le imprese di sviluppo fondano l’ Enterprise Ethereum Alliance  ( EEA ), una  fondazione open source  dedicata allo sviluppo di Ethereum in una blockchain di livello enterprise.

I membri del EEA includono Accenture, BBVA, BP,  Cisco , Consensys, Intel, JP Morgan, Microsoft , Tendermint, UBS, Wipro e circa altri 30. I primi lavori del EEA comprendono l’organizzazione di gruppi di lavoro tecnici, lo sviluppo   dell’architettura di riferimento EntEth 1.0 e il supporto della  rete di consorzi Quorum  nel Marketplace di Azure.

IDENTITÀ DECENTRALIZZATA PER TUTTI

L’interesse su blockchain è aumentato vertiginosamente nel corso del 2017, insieme al prezzo del Bitcoin. Nel maggio di quell’anno, la Hyperledger Foundation ha annunciato l’introduzione del codice di Sovrin nella sua famiglia di strumenti e framework open source:

Indy fornisce strumenti, librerie e componenti riutilizzabili per fornire identità digitali radicate su blockchain o altri registri distribuiti in modo che siano interoperabili tra domini amministrativi, applicazioni e qualsiasi altro settore. – Phillip J. Windley, Ph.D., Chair, Sovrin Foundation

Nello stesso periodo, a Conensys 2017, i rappresentanti di Microsoft, uPort, Gem, Evernym, Blockstack e Tierion hanno annunciato la costituzione della  Decentralized Identity Foundation  (DIF). Questo consorzio di settore è stato creato per supportare lo sviluppo e l’interoperabilità di un ecosistema aperto per l’Identità Decentralizzata.

Nel luglio del 2017, il Dipartimento di Sicurezza Nazionale SBIR ha  assegnato a  Evernym $ 749.000 per “progettare e implementare un sistema di gestione delle chiavi decentralizzato (DKMS) per tecnologie blockchain” basato sulla pubblicazione NIST  A Framework for Designing Key Management Systems . Questo contratto è stato concesso in seguito al lavoro svolto su  Identificatori Decentrati (DID) da una  fase preliminare di finanziamento  nel ’16.

Per tutto il 2018, la Sovrin Foundation ha dato il benvenuto a  30 nuovi attori , portando il totale a circa 50 istituzioni, tra cui Aalto University , Cisco , CULedger , Consent GlobalDanube TechDatumDigital Bazaar , IBM , iRespond , KYC Chainlab10 collettivoT- LabsTykn  e  Global Consent .

RETE DI ORGANIZZAZIONI VERIFICABILI

Una applicazione governativa basata su Hyperledger Indy

Per tutto il 2018, i governi canadesi della British Columbia e dell’Ontario hanno iniziato il loro lavoro con Hyperledger Indy e Sovrin Foundation, fondando la Verifiable Organizations Network ( VON ). Stanno usando Indy per creare un registro aziendale pubblico chiamato ” OrgBook “.

L’OrgBook è una “directory pubblica consultabile di dati verificabili aperti su organizzazioni legalmente registrate in BC”. Il BC Gov ha attualmente 528.000 entità legali attive, con 1,4 milioni di credenziali verificabili.

Si è verificato un errore.

Prova a guardare il video su www.youtube.com oppure attiva JavaScript se è disabilitato nel browser.

John Jordan di BC Gov e Stephen Curran di CloudCompass hanno recentemente presentato una  presentazione di VON  al Forum globale di Hyperledger. Il loro registro delle organizzazioni pubbliche è un passo significativo verso la creazione di una rete decentralizzata di  identità autosufficiente , che consente alle persone di possedere e controllare i propri dati – usando prove crittografiche, piuttosto che informazioni di identificazione personale, per l’autenticazione digitale.

CONCLUSIONE

Verso la fine del 2018, Ethereum Enterprise Alliance (EEA) ha  rilasciato uno standard  per le implementazioni Enterprise Ethereum. Nello stesso periodo, l’EEA e la Hyperledger Foundation hanno vicendevolmente  unito le rispettive organizzazioni , supportando la collaborazione, le iniziative di interoperabilità in tutto il settore e dissipando ogni nozione di rivalità tra le organizzazioni.

Oggi Multichain ha circa 90 collaborazioni e recentemente ha rilasciato una  beta 2.0 . L’AEA conta oltre 500  organizzazioni membri , la Fondazione Hyperledger e il Consorzio R3 hanno circa 300   organizzazioni  membri ciascuna .

Aziende come MasterCard, IBM, JPMorgan, Bank of America, Accenture, Microsoft, Oracle, HP collaborano con questi consorzi e organizzazioni di ogni tipo in tutto il mondo per implementare soluzioni di blockchain autorizzate.

Sono passati 5 anni dai primi tentativi di riprodurre i benefici della blockchain in un ambiente autorizzato. Oltre ai successi che test privati possono aver avuto, il lavoro dei governi canadesi nell’ecosistema Hyperledger Indy e la demo pubblica della VON è un segno di speranza per l’affermarsi dell’idea dell’Identità Digitale Decentralizzata e Affidabile – che potrebbe essere la killer app dei registri distribuiti autorizzati.

QUESTO PER FAR CAPIRE CHE HYPERLEDGER NON E’ SOLO IBM ma molto di piu.

Altri link dello stesso autore:

The Quest for Electronic Currency, Before Bitcoin

The Future of Decentralized Identity—Hyperledger Indy

infominer.id

 

 

Ti piace questo articolo?

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Leave a comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *